EQUILIBRIO DIGITALE
Siamo dipendenti dalla tecnologia?

La tecnologia non è positiva o negativa, ma neanche neutrale. Chi immagina e sviluppa applicazioni e servizi web ne influenza l’uso, a volte senza rendersene conto. Le notifiche, come concetto, sui social network e sullo smartphone, sono pensati come servizio utile a non perdersi gli aggiornamenti, ma fanno leva su un meccanismo psicologico di ricompensa casuale che determina dipendenza. Le abitudini che reputiamo essere dannose per la nostra attenzione, per le relazioni, per la produttività, possono essere cambiate, riconoscendo i segni e sostituendole con altre abitudini positive e piacevoli.

È questo l’argomento della prima puntata di Equilibrio Digitale, il podcast di Luca Conti, prodotto da Piano P. Di seguito puoi trovare tutti i link ai contenuti trattati e ai siti delle personalità di cui si parla.

 

Le leggi della tecnologia del professor Kranzberg

http://www.bytelite.it/le-leggi-della-tecnologia-di-kranzberg/

 

Sesso, amore e tecnologia

http://www.huffingtonpost.com/2013/07/12/smartphones-during-sex_n_3586647.html

 

Seth Godin e lo smartphone di Pavlov

http://sethgodin.typepad.com/seths_blog/2017/01/pavlovs-in-your-pocket.html

http://www.pandemia.info/2017/01/20/smartphone-pavlov

 

Duecento libri l’anno, al posto di Facebook e Twitter

https://qz.com/895101/in-the-time-you-spend-on-social-media-each-year-you-could-read-200-books/

 

Charles Duhigg, autore de La dittatura delle abitudini

http://charlesduhigg.com/

 

Nir Eyal, designer di comportamenti

Il sito ufficiale di Eyal

 

Leave a Reply

Required fields are marked*