il POSTCAST
La sinistra incastrata

Non sappiamo ancora che governo produrranno – e se lo produrranno – le elezioni politiche del 4 marzo, ma sappiamo che hanno messo l’Italia nel grosso gruppo di nazioni europee in cui i partiti tradizionali di sinistra e di centrosinistra sono stati sconfitti e marginalizzati, dopo la Germania, la Francia, i Paesi Bassi, per esempio. La crisi della sinistra italiana, di cui sembra si parli ininterrottamente da trent’anni, ha le sue peculiarità nazionali, ma ha anche molti importanti tratti comuni con la crisi più globale dei partiti progressisti, che trovano sempre più difficoltà nel rappresentare il loro elettorato di riferimento – le persone che lavorano – in un mondo e in un’economia completamente diversi da quelli di trent’anni fa. Esiste un modo per rappresentare i più deboli e chi ha più bisogno di protezione senza mettere in discussione la globalizzazione? Esiste un modo per rappresentare i ceti meno istruiti senza allo stesso tempo rinunciare alla promozione dei diritti degli immigrati, delle donne, degli omosessuali?

Questo è l’argomento del quarto episodio de il Postcast, il podcast del Post, le cui prime otto puntate saranno sperimentali, per vedere l’effetto che fa. Puoi ascoltare questa primo episodio su Apple Podcasts o cliccando sul visore di Spreaker qui sotto. E ancora attraverso le app più diffuse per ascoltare i podcast Pocket Casts, Radio Public, Acast).

Leave a Reply

Required fields are marked*