Milano, Europa

Milano, Europa è un podcast di Francesco Costa – già autore di Da Costa a Costa -, realizzato con il contributo di EuroMilano, che racconta com’è cambiata Milano negli ultimi vent’anni, indagando e spiegando come sia diventata la città italiana che attrae più investimenti internazionali, che vede aumentare la sua popolazione di anno in anno grazie all’arrivo di giovani da tutto il paese, che produce il 10% del PIL del Paese e che ha il 20% di residenti stranieri. Attraverso le interviste con decine di studiosi, urbanisti, attivisti, giornalisti, docenti universitari, imprenditori, sindacalisti e semplici cittadini, Milano, Europa racconta le trasformazioni radicali che ha attraversato la città sia dal punto di vista urbanistico che economico, demografico e culturale.

Partendo da Uptown, il nuovo smart district che Euromilano sta costruendo a Cascina Merlata, nel posto che nel 2015 accolse milioni di visitatori da tutto il mondo a Expo, le sei puntate di “Milano, Europa” permettono di scoprire chi sono oggi i milanesi e come sono cambiati, dove e come abitano, che mestieri fanno, quali sono le nuove sfide e i nuovi problemi creati dallo sviluppo della città; e magari di immaginare anche come Milano cambierà ancora in futuro.

Milano, Europa è disponibile il venerdì, ogni due settimane, in sei episodi, su tutte le piattaforme e le app per l’ascolto dei podcast (Apple Podcasts, Spotify, Spreaker, ecc.). Oppure premendo sull’icona “Play” nei visori qui sotto.

A Milano si fa il 10 per cento del PIL italiano e ci sono il reddito medio più alto del Paese e il record di esportazioni e brevetti. Perché? La storia del lavoro e dell’economia a Milano è una storia di trasformazioni: dalla grande industria al design, dalla moda alle biotecnologie, fino alla nuova trasformazione che sta avvenendo oggi. Ogni venti o trent’anni, quando il mondo attorno cambia, Milano sterza e cambia anche lei.

È vero che milanesi non si nasce ma si diventa?
Oggi i milanesi fanno più figli di prima, non sono mai stati così tanti e soprattutto così diversi: per il 20 per cento sono stranieri, e anche tra tutti gli altri si fa molta fatica a trovare qualcuno nato a Milano da genitori nati a Milano. I milanesi sono bresciani ed egiziani, bergamaschi e siciliani, cinesi e calabresi. Eppure, nonostante questa eterogeneità, e un successo costruito nel Novecento sull’immigrazione, gli abitanti della città mantengono un’identità ben precisa, solida, riconoscibile: milanese. Com’è possibile?

Quando si parla di periferie, bisogna evitare una gran quantità di tic e luoghi comuni. Per esempio, un classico da talk show: “Non si parla mai delle periferie!”. In realtà, se ne parla tantissimo: il problema è come se ne parla.
Un altro errore comune è identificare le periferie automaticamente come i luoghi critici di una città: alcune periferie lo sono sicuramente, ma non lo sono tutte in quanto tali. In questo episodio esploriamo le zone più problematiche di Milano, che non sono sempre lontane dal centro, indagando le ragioni storiche, demografiche e politiche per cui il grande sviluppo della città in questi anni non si è riflettuto allo stesso modo dappertutto.
Qualcuno è rimasto indietro: ma dove, di preciso? E soprattutto, perché?

Milano è la seconda città italiana per popolazione, ma non è nemmeno tra le prime cento per estensione della superficie. È una città piccola che funziona come una città grande, e si sente una grande città.
In questo secondo episodio si parla di come è organizzata e come sta cambiando la città dal punto di vista materiale, fisico, geografico: dallo stravolgimento della sua skyline ai rapporti tra il centro e l’hinterland. E poi di come le persone si spostano all’interno di questo spazio e delle conseguenze di questi spostamenti. Soprattutto in termini di qualità dell’aria.

Non è una novità che Milano sia la città economicamente più avanzata d’Italia, ma negli ultimi anni qualcosa è cambiato: secondo moltissimi – milanesi e non – c’è stata una fioritura, un’accelerazione. È davvero così o è soltanto una narrazione giornalistica? E cosa c’entra l’Expo del 2015?
Nel primo episodio di questo nuovo podcast partiamo da Cascina Merlata per iniziare a indagare cosa è cambiato e quando, in città, e con quali conseguenze; e affrontiamo un tema centrale per le vite di tutte le persone che la abitano: la casa.

Il trailer di Milano, Europa, il nuovo podcast di Francesco Costa, prodotto da Piano P e realizzato con il contributo di EuroMilano.