Da Costa a Costa, stagione 4

In un 2020 ricco di appuntamenti per gli Stati Uniti, alle prese con le elezioni presidenziali, non potevamo lasciarvi senza Da Costa a Costa, il popolare podcast di Francesco Costa sulla politica americana. La quarta stagione comincia sabato 11 gennaio e andrà avanti per tutto il 2020. Ogni quindici giorni, sempre di sabato, troverete una puntata dedicata a grandi storie del presente e del passato che inseriscono in un contesto più ampio la cronaca febbrile della campagna elettorale e ci permettono di conoscere meglio gli Stati Uniti d’America.

Da Costa a Costa sarà disponibile su Spreaker, Apple Podcasts, Spotify e su tutte le app per l’ascolto.

La newsletter settimanale, invece, servirà a raccontare e spiegare cosa accadrà prima, durante e dopo le elezioni per la Casa Bianca.

Da Costa a Costa – che ora ha anche un sito: http://dacostaacosta.net – è gratis, ma tutto quello che serve per realizzarlo ha un costo: servono aerei, macchine, camere d’albergo, attrezzature e software per registrare e montare gli episodi, telefonate, connessioni internet, abbonamenti a servizi e giornali, e servono soprattutto tempo e lavoro. Dal 2015 questi costi sono ripagati dai contributi offerti spontaneamente da lettori e ascoltatori. Vi chiediamo, quindi, di farlo ancora: se i contenuti di “Da Costa a Costa” vi piacciono, se li trovate utili, interessanti e di buona qualità, valutate la possibilità di fare una donazione attraverso http://dacostaacosta.net/sostieni.

Ascoltate le puntate:

La storia personale dell’uomo che sfiderà Donald Trump alle elezioni presidenziali di novembre si incastra con il momento che stanno vivendo gli Stati Uniti in un modo che ha pochi precedenti. Joe Biden ha avuto quattro vite diverse, colme tanto di grandi successi quanto di enormi tragedie, come un unico grande romanzo: molti di noi ne conoscono soltanto due.

La storia di un uomo che ha attraversato quarant’anni di storia americana da posizioni marginali, per ritrovarsi al centro del mondo nell’ultima fase della sua carriera. Ora che le elezioni primarie del Partito Democratico sono entrate nella fase decisiva, Sanders dovrà decidere come giocarsi quelle che potrebbero essere le sue ultime mosse.

Sono stato in Iowa e in New Hampshire nei giorni delle primarie, viaggiando per centinaia di chilometri da una città all’altra e da un comizio all’altro. Ho osservato tutti i candidati e soprattutto i loro sostenitori, attivisti, elettori: le persone che sceglieranno chi sfiderà Trump. In questo episodio vi racconto quello che ho imparato.

I risultati ottenuti nel recente passato ai caucus dell’Iowa da due candidati del Partito Democratico, rimasti nella memoria degli americani in modi diversi ma entrambi istruttivi e leggendari, mostrano perché anche queste primarie non vadano giudicate soltanto dal loro risultato finale.

Alla fine del 2019, per la terza volta nella storia degli Stati Uniti, un presidente (Donald Trump) è stato messo formalmente in stato d’accusa. Il precedente più recente e famoso è quello di Bill Clinton, accusato nel 1998 di aver mentito al Congresso sulla sua relazione extraconiugale con Monica Lewinsky: una storia ricca di colpi di scena ed esemplare dei grandi cambiamenti politici, mediatici e culturali avvenuti negli Stati Uniti negli ultimi venti anni.

ll 20 novembre del 1969 ottanta persone occuparono l’isola di Alcatraz, nota per ospitare al largo di San Francisco il più famoso carcere di massima sicurezza al mondo, quello da cui nessuno era mai riuscito a evadere. Ci restarono un anno e mezzo.
Gli occupanti facevano parte della più derelitta delle minoranze statunitensi: i nativi americani (o bisogna chiamarli “indiani d’America”, oppure ancora “indigeni”?). La loro storia e la storia dell’occupazione ci permettono di affrontare il tema fondamentale attorno al quale gira quasi tutto nella politica americana, nel 1969 come nel 2020: l’identità.